CITTÀ DI POTENZA PICENA

PotenzaPicena

Foto di Enrico Pighetti

POTENZA PICENA è un comune della provincia di Macerata di poco più di 16.000 abitanti, posto su una collina a 237 metri sul livello del mare. È un Paese diviso in due realtà ben distinte: la parte storica sulla collina ricca di monumenti e tradizione e quella moderna, sviluppatasi lungo la costa, distante dal capoluogo 7 km, dove troviamo la popolosa località di Porto Potenza Picena.

Prende il nome dall’antica Potentia, prospera colonia romana con dal 184 a.C., distrutta nel IV secolo durante la guerra greco-gotica. Alcuni superstiti della città avrebbero fondato, sul vicino colle attorno alla Pieve di S.Stefano, il borgo di Montesanto, nome consolidato dalla costruzione di una ventina di chiese e sette monasteri ( di cui quattro ancora attivi) sotto lo Stato Pontificio. Il Comune assunse l’attuale denominazione di Potenza Picena nel 1862 con l’Unità d’Italia.

La città alta presenta una conformazione urbanistica tipica dell’alto medioevo con ampie mura che circondano il centro storico, sovrastate dalla torre civica posta in linea con la torre del Porto usate come punti di avvistamento contro i pirati Saraceni che nel ‘400 e ‘500 infestavano l’Adriatico.

Di particolare pregio il Palazzo del Municipio, il cui interno contiene la “bomboniera” del teatro Mugellini, la chiesa di S.Stefano (Collegiata), il duecentesco complesso di S.Agostino, porta Galiziano (1365), il convento di S.Francesco (1222), il Monastero delle Clarisse (1227) e delle Benedettine (1280€, le quattrocentesche chiese della Madonna della Neve, il Convento dei Cappuccini (1560) e quello degli Zoccolanti (1463). A pochi chilometri dal centro sorge il santuario di S.Girio, compatrono della Città, mentre sull’opposta collina di Montecanepino, la maestosa Villa Buonaccorsi costituisce uno dei rari e meglio custoditi esempi di giardini all’italiana del ‘700.

Potenza Picena dal 2001 è gemellata con il Comune di Burford, cittadina inglese situata nella Provincia di Costwolds. Un antico borgo tranquillissimo di circa 1400 abitanti a circa 20 minuti d’auto dalla città universitaria di Oxford.Dal 2004 è gemellata con il comune di Templemore, situata nella parte nord della Contea di Tipperary in Irlanda. Una città con una popolazione di poco più di 2000 abitanti (censimento del 2002), che si trova a circa 50 km, da Clonmel e a 125 km da Dublino.

Il 24 Novembre 2015 viene concesso a Potenza Picena il titolo onorifico di Città.

ppp

Porto Potenza Picena , sorge nell’area anticamente occupata da un insediamento di età romana denominato Sacrata. L’odierno abitato si è sviluppato a partire dal dopoguerra attorno ad un’alta torre costiera, unico elemento superstite di una fortezza d’epoca tardo-medievale. Il nucleo storico della cittadina, situato a sud della stazione ferroviaria, è formato da schiere di sobrie casette appartenute un tempo a famiglie di pescatori. Favorita da una buna posizione geografica e da efficienti collegamenti coi principali centri dell Provincia e della Regione, Porto Potenza Picena invita ad un soggiorno sereno e rilassante, grazie soprattutto ai suoi 5 km di litorale, caratterizzati da ampie spiagge prevalentemente sabbiose, insignite dalla Bandiera Blu.

BandieraBlu

Ottava Bandiera Blu

Anche quest’anno il Comune di Potenza Picena è stato premiato dalla FEE con la Bandiera Blu 2015. Ai festeggiamenti del prestigioso premio a carattere regionale che ha coinvolto, oltre agli operatori turistici ed economici del territorio, anche la cittadinanza e le associazioni comunali, è intervenuto il neo Presidente dell Regione Marche, il Prof. Luca Ceriscioli. Per la prima volta è stata consegnata la Bandiera Blu anche all’Aeronautica Militare, rappresentata dal Magg.re unzio Pisano, presente sul territorio potentino sin dal 1956. L’ottava assegnazione consecutiva dell’importante riconoscimento, certifica ancora una volta, la qualità ambientale della spiaggia del nostro Comune. “Si tratta di un punto di partenza e non di arrivo – ha sottolineato durante la cerimonia il sindaco Dott.Francesco Acquaroli – ora sta a tutti noi, Amministratori e cittadini, continuando ad avere e magari migliorare, un comportamento virtuoso, mantenere questa eccellenza sul nostro territorio.